pagina precedente

pagina successiva

Porto delle inquietudini


Stagni ambrati
in cui vengono, a sera, ad ammarare
con grossi tonfi gli uccelli palustri

Finestre a strapiombo sugli scogli
che oppongono i vetri specchianti
al vento freddo del mare abbrunato

Savana assorta,
nella quale un leggero trasalire
tradisce la presenza di felini

Passaggi radenti di rondini
fiocinanti, in un guizzo, l'azzurro

Vetrate irretite dai gridi
della loro vorace libertÓ

Pozzi troppo lontani per sapere
se hanno per me dell'acqua da donare

Pulsar di indecifrabili messaggi
fibrillanti a distanza nel mio plasma

Vertigine contratta,
che vede spalancarsi la caduta
dentro il collasso interno d'apprensione

Porto delle inquietudini,
giade di diffidenza,
occhi meridiani che s'accendono
all'improvviso di lampi di rame,
iridi screziate di Sibilla,
specchi in cui sbatto con gli occhi sbarrati,
lame accecate nella mia ferita.

pagina precedente

pagina successiva